Dizione e pronuncia: imparare a parlare bene per comunicare meglio – Parte 2
Comunicazione

Dizione e pronuncia: imparare a parlare bene per comunicare meglio – Parte 2

Prosegue il viaggio all’interno della lingua parlata. Scopriamo quali sono le principali regole di dizione italiana da conoscere per una corretta pronuncia delle parole.

Nella Parte 1 di questo articolo parlo del rapporto tra dizione e comunicazione e dell’importanza di parlare e leggere bene, accennando anche ai concetti di fonetica, fonologia e paralinguistica.

In questa seconda parte, riassumo le regole di dizione della lingua italiana, dando priorità alle norme dell’italiano standard (o normativo) rispetto all’italiano moderno (o contemporaneo). La maggior parte delle regole riguarda la pronuncia di alcuni grafemi (vocali e consonanti) che nell’italiano scritto equivalgono a più suoni e sono definiti per questo grafemi polivalenti; essi sono:

  • e aperta, è, la cui trascrizione fonetica è [ɛ];
  • e chiusa, é, la cui trascrizione fonetica è [e];
  • o aperta, ò, la cui trascrizione fonetica è [ɔ];
  • o chiusa, ó, la cui trascrizione fonetica è [o];
  • s sorda, s, la cui trascrizione fonetica è [s];
  • s sonora, , la cui trascrizione fonetica è [z];
  • z sorda, z, la cui trascrizione fonetica è [ts];
  • z sonora, , la cui trascrizione fonetica è [dz];

La diversa pronuncia delle vocali <e> e <o> si apprezza solo quando la sillaba è accentata (tonica); in contesto atono, cioè privo di accento, si pronunciano chiuse.

Per quanto concerne le consonanti <s> e <z>, la differenza tra sorda e sonora è data dalla vibrazione delle corde vocali durante la pronuncia, che è presente solo nel secondo caso.

Indice dei contenuti:

Pronuncia della e aperta

La e tonica si pronuncia aperta, è,

  • quando è preceduta da i

Esempi: arcière, bandièra, chièsa, diètro, insième, liève, mièle, niènte, piède, sièdi, vièni.

Eccezioni: quando fa parte di un suffisso con é (-ése, -étta), come in pugliése e magliétta, la parola chiérico.

  • quando è seguita da -nd

Esempi: aziènda, faccènda, leggènda, merènda, tènda, accèndere, comprèndere, difèndere, prèndere, stèndere, orrèndo, tremèndo.

Eccezioni: le voci del verbo vendicare e dei suoi derivati (véndico, rivéndico), le voci del verbo mendicare (méndico, méndichi), il sostantivo véndita e i suoi derivati (rivéndita, svéndita), il suffisso -véndolo (fruttivéndolo, pescivéndolo), le voci del verbo scéndere e dei suoi derivati (scéndo, discéndo, trascéndo), le voci del verbo véndere e dei suoi derivati (véndo, rivéndo, svéndo).

  • quando è seguita da -nt

Esempi: accogliènte, bollènte, coerènte, diffidènte, evènto, gènte, lènto, oriènte, perdènte, vènto.

Eccezioni: le voci del verbo entrare dei suoi derivati (éntro, riéntro), gli avverbi éntro e addéntro, i numeri vénti e trénta, quando è preceduta da m (altriménti, censiménto, fondaménta, giuraménto, ménte, torménta).

  • quando è seguita da -ns e da -nz

Esempi: circènse, dispènsa, intènso, mènsa, propènso, sènso, assistènza, coerènza, dissolvènza, Firènze, Lorènzo, silènzio.

Eccezioni: zénzero.

  • quando è seguita da vocale oppure da una consonante seguita da due vocali

Esempi: assemblèa, colèi, epopèa, fèudo, idèa, sèi, assèdio, critèrio, desidèrio, matèria, sèrio, tènue.

Eccezioni: la desinenza -ei del passato remoto (credéi, potéi), le preposizioni déi, néi e péi, l’aggettivo quéi, il pronome personale éi (egli), le voci in -éguo e simili (diléguo, séguito), le voci del verbo fregiare e il sostantivo frégio, le voci del verbo impeciare.

  • nelle terminazioni -èlla, -èllo, -èlle

Esempi: ancèlla, gazzèlla, mascèlla, sorèlla, anèllo, bèllo, castèllo, ombrèllo, secchièllo, ribèlle, pèlle.

Eccezioni: le preposizioni délla, déllo, délle, nélla, néllo e nélle, il pronome personale élla, i dimostrativi quélla, quéllo e quélle, le parole capéllo e stélla.

  • nelle terminazioni -èmo, -èma, -ènne, -ènnio

Esempi: blasfèmo, crisantèmo, estrèmo, rèmo, crèma, edèma, problèma, teorèma, decènne, minorènne, solènne, ventènne, decènnio, trentènnio.

Eccezioni: le voci del verbo temere, la prima persona plurale del futuro semplice di tutti verbi (amerémo, farémo, salirémo), le parole pénne, scémo e téma (paura), la desinenza del passato remoto dei verbi tenere e venire e dei loro derivati (convénne, riténne, ténne, vénne).

  • negli aggettivi numerali in -èsimo

Esempi: undicèsimo, ventèsimo, centèsimo, millèsimo.

  • nelle terminazioni dei termini dottrinali in -èsi

Esempi: cosmèsi, diurèsi, esegèsi, mimèsi, teorèsi.

  • nelle terminazioni -èstre, -èstro, -èstra, -èdine, -elico, -èrico, -èrrimo

Esempi: alpèstre, rupèstre, terrèstre, canèstro, finèstra, ginèstra, acrèdine, intercapèdine, salsèdine, angèlico, famèlico, psichedèlico, atmosfèrico, battèrico, collèrico, esotèrico, istèrico, numèrico.

  • nelle terminazioni -èco, -èca

Esempi: aztèco, cèco, èco, sbièco, trichèco, bibliotèca, discotèca, enotèca, ipotèca.

Eccezioni: i pronomi méco, séco, téco.

  • nei nomi di origine straniera tronchi o che terminano per consonante, anche se la consonante non viene pronunciata

Esempi: aloè, bignè, caffè, frappè, purè, bidet (bidè), cabaret (cabarè), dèficit, motèl, rèbus, rèqiuem, tènnis, vademècum.

Eccezioni: habitué.

  • nelle desinenze del condizionale -rèi, -rèbbe, -rèbbero

Esempi: avrèi, canterèi, vorrèi, amerèbbe, dirèbbe, scriverèbbe, avrèbbero, berrèbbero, sognerèbbero.

  • nelle desinenze del passato remoto -ètti, -ètte, -èttero

Esempi: credètti, dovètti, stètti, credètte, dovètte, stètte, credèttero, dovettèro, stettèro.

  • in molte parole isolate

Esempi: alfabèto, bène, cèto, estèta, Gaèta, incomplèto, lèggere, maratonèta, obsolèto, Peloponnèso, rèsto, sèppi, tèmpo, vèto, zèbra.

Pronuncia della e chiusa

La e tonica si pronuncia chiusa, é,

  • nelle terminazioni -éggio, -éggia, -éccio, -éccia

Esempi: albéggio, campéggio, gréggio, postéggio, sortéggio, manéggia, puléggia, schéggia, beveréccio, casaréccio, intréccio, pescheréccio, bréccia, cortéccia, fréccia, tréccia, sbréccio, scortéccio, sfréccio.

Eccezioni: pèggio, sèggio, règgia, fèccia.

  • nelle desinenze del passato remoto -éi, -ésti, , -émmo, -éste, -érono

Esempi: credéi, credésti, credé, credémmo, credéste, credérono, potéi, potésti, poté, potémmo, potéste, potérono.

  • nelle terminazioni -ménta, -ménte, -ménti, -ménto

Esempi: fondaménta, giuménta, ménta, torménta, ménte, seménte, altriménti, pariménti, censiménto, giuraménto, Rinasciménto.

Eccezioni: i participi presenti in –mente (deprimènte, fremènte, opprimènte), le parole demènte e memènto.

  • nelle desinenze verbali -éssi, -ésse, -éssero, -émo, -ére, -éte, -évo, -évi, -éva, -évano

Esempi: avéssi, credéssi, sapéssi, voléssi, avésse, credésse, sapésse, volésse, avéssero, credéssero, sapéssero, voléssero, avrémo, crederémo, saprémo, vorrémo, bére, cadére, sedére, vedére, avéte, canteréte, piangéte, verréte, avévo, credévo, sapévo, volévo, avévi, credévi, sapévi, volévi, avéva, credéva, sapéva, voléva, avévano, credévano, sapévano, volévano.

  • nelle terminazioni -énno -éso, -ésa, -ése, -ésco, -ésca

Esempi: accénno, depénno, impénno, sénno, attéso, contéso, offéso, sospéso, cineprésa, difésa, imprésa, tésa, cortése, francése, maionése, paése, fanciullésco, marinarésco, pésco (da pescare), studentésco, ésca (cibo per pesci), pésca (atto del pescare) scolarésca, trésca.

Eccezioni: alèso, blèso, Crèso, frèso, obèso, Peloponnèso, chièsa, frèsa, Terèsa, èsco, fuorièsco, pèsco (albero), UNESCO, èsca (da uscire), pèsca (frutto).

  • nella terminazione femminile -éssa

Esempi: contéssa, dottoréssa, principéssa, scomméssa.

Eccezioni: Edèssa, Odèssa, prèssa, rèssa, sopprèssa, Tèssa.

  • nei suffissi -éto, -éta

Esempi: agruméto, cannéto, fruttéto, sugheréto, alberéta, faggéta, pinéta.

  • nei suffissi -étto, -étta

Esempi: bozzétto, duétto, fogliétto, girétto, orsétto, pezzétto, biciclétta, borsétta, fétta, gallétta, saétta, vendétta, zollétta.

Eccezioni: Bètta, collètta, Elisabètta, incètta, Isabètta, Lisabètta, rètta, ricètta, sètta, toelètta.

  • nei sostantivi che terminano in -ézza

Esempi: amarézza, bellézza, carézza, delicatézza, finézza, giovinézza, tristézza.

Eccezioni: pèzza.

  • nei suffissi –éfice, -évole

Esempi: artéfice, carnéfice, oréfice, pontéfice, agévole, meritévole, piacévole, scorrévole.

  • nei monosillabi e nelle parole tronche non di origine straniera

Esempi: che, e, me, re, sé, se, te, tre, né, ne, affinché, checché, dacché, macché, mercé, nonché, perché, sicché.

Eccezioni: è (verbo essere), re (nota musicale), tè (bevanda), piè, ahimè, cioè.

  • in molte parole isolate

Esempi: accéso, acéto, alméno, appéna, bévo, capéllo, chéto, codésto, davvéro, déntro, fégato, félce, fréddo, invéce, méno, néro, orécchio, péna, péra, pianéta, quésto, sédici, ségno, séta, strétto, tappéto, trédici, vélo, vérde, véro.

Pronuncia della o aperta

La o tonica si pronuncia aperta, ò,

  • nel dittongo -uò

Esempi: buòno, casseruòla, cuòre, duòmo, fuòco, lenzuòlo, museruòla, nuòvo, ruòlo, scuòla, uòmo, vuòto.

  • quando è seguita da consonante scritta scempia più due vocali

Esempi: accessòrio, baldòria, begònia, còpia, demònio, elògio, empòrio, fruttòsio, glòria, lattòsio, memòria, necrològio, obbligatòrio, petròlio, ròseo, stòria.

Eccezioni: incrócio, vócio.

  • nelle parole che terminano per consonante o con o accentata, anche nelle particelle in cui l’accento non è segnato

Esempi: andrò, ciò, còlon, do, farò, gòng, ho, leggerò, no, nòrd, però, po’, rococò, so, sto, stòp.

Eccezioni: le particelle prive di accento proprio (cón, dón, nón).

  • nelle terminazioni -òcrate, -òforo, -òdico, -òrico, -òttico, -òmetro, -òtico, -ògico, -òlogo

Esempi: buròcrate, Ippòcrate, Cristòforo, tedòforo, episòdico, metòdico, allegòrico, calòrico, pittòrico, sinòttico, termòmentro, tubercolòtico, analògico, biològico, psicologico, astròlogo, monòlogo, sociòlogo.

  • negli aggettivi e nei sostantivi che terminano in -oide, -olo, -òla, -òtto, -òtta, -òttolo, -òttola

Esempi: andròide, pazzòide, tiròide, armaiòlo, bocciòlo, campagnòlo, figliòlo, nocciòlo, pòlo, tovagliòlo, bagnaròla, carriòla, fòla, moviòla, viòla, bambolòtto, galeòtto, lepròtto, salòtto, bòtta, calòtta, gròtta, ricòtta, naneròttolo, pianeròttolo, viòttolo, pallòttola, tròttola.

Eccezioni: assólo, scólo, soggólo, sólo, vólo, góla, vóla, bancarótta, condótta, gótta, rótta.

  • nei nomi scientifici e dottrinali che terminano in -òsi

Esempi: artòsi, cirròsi, ipnosi, micòsi, nevròsi, osmòsi, psicòsi, simbiòsi, trombòsi.

  • nelle terminazioni -òccio, -òccia, -òggio, -òggia, -òggi, -òscio, -òscia, -òsso, -òssa

Esempi: appròccio, bellòccio, còccio, figliòccio, bisbòccia, chiòccia, ròccia, allòggio, mòggio, sfòggio, fòggia, lòggia, piòggia, afflòscio, scròscio, angòscia, còscia, galòscia, addòsso, bòsso, colòsso, ortodòsso, scòsso, fòssa, mòssa.

Eccezioni: góccio, móccio, dóccia, góccia, ammóscio, móscio, arrósso, infrarósso, pettirósso, rósso, Barbaróssa, pelleróssa.

  • nei nomi propri che terminano in -òldo, -òlfo

Esempi: Arnòldo, Bertòldo, Leopòldo, Adòlfo, Landòlfo, Rodòlfo.

  • nelle desinenze verbali -òlsi, -òlse, -òlsero

Esempi: còlsi, còlse, còlsero, sciòlsi, sciòlse, sciòlsero, tòlsi, tòlse, tòlsero.

  • in molte parole isolate

Esempi: bòlgia, còrpo, diciannòve, fòrte, impòrto, nòno, òpera, piuttòsto, pòi, scòrgere, tròppo, vòlli, vòstro.

Pronuncia della o chiusa

La o tonica si pronuncia chiusa, ó,

  • nelle terminazioni –óce quando non è preceduta da u, -ógno, -ógna, -ógni, -ógnolo

Esempi: atróce, cróce, feróce, nóce, velóce, bisógno, cotógno, scalógno, sógno, Bológna, carógna, fógna, vergógna, ógni, amarógnolo, giallógnolo, verdógnolo.

Eccezioni: cappadòce, precòce.

  • nella terminazione –óio

Esempi: abbeveratóio, ballatóio, frantóio, ingóio, levatóio, rasóio, vassóio.

Eccezioni: annòio.

  • nelle terminazioni óne, -óna, -óndo, -ónda, -ónto, -ónta, -ónte

Esempi: bottóne, cannóne, dizióne, erosióne, portóne, trasmissióne, persóna, bióndo, fóndo, móndo, vagabóndo, baraónda, fiónda, sónda, accónto, confrónto, prónto, tramónto, bisónte, cónte, frónte, orizzónte, pónte.

Eccezioni: testimòne, annòna, Arizòna, Giòna, matròna, nòna, zòna, anacònda.

  • nei sostantivi che terminano in óre

Esempi: amóre, calóre, dottóre, fondatóre, pescatóre, rumóre, valóre.

  • negli aggettivi che terminano in óso

Esempi: afóso, bellicóso, chiassóso, delizióso, insidióso, nervóso, piovóso.

  • in molte parole isolate

Esempi: allóra, bócca, colóro, dódici, dópo, fórma, giórno, incóntro, lóro, maggióre, nóme, óra, pósto, quattórdici, rispóndere, sóno, vói.

Pronuncia della s sorda

La s si pronuncia sorda, s,

  • quando è in principio di parola ed è seguita da vocale

Esempi: sale, sedia, sigaro, sole, suono.

  • quando è iniziale di secondo componente di parola composta

Esempi: affittasi, coseno, disotto, girasole, presentire, resistere, trentasei, unisono.

Eccezioni: biṣestile, filoṣofo.

  • quando è doppia

Esempi: assai, basso, cassetto, gesso, osso, nessuno, passeggiata.

  • quando è preceduta da un’altra consonante

Esempi: arsura, balsamo, corsa, falso, immenso, orso, psicanalisi.

Pronuncia della s sonora

La s si pronuncia sonora, ,

  • quando si trova fra due vocali

Esempi: aṣilo, baṣe, chieṣa, eṣame, fiṣica, improvviṣo, miṣeria, paradiṣo, quaṣi, spoṣa, uṣo, viṣo.

Pronuncia della z sorda

La z si pronuncia sorda, z,

  • in principio di parola, quando la seconda sillaba comincia per consonante sorda (c, f, p, t)

Esempi: zampa, zampogna, zappa, zattera, zecca, zitto, zoccolo, zoppo, zucca, zucchero.

Eccezioni: ẓaffiro, ẓafferano, ẓeffiro, ẓeta, ẓoofilo, ẓotico.

  • quando è seguita da i più vocale

Esempi: agenzia, comizio, grazia, facezia, inezia, minuzia, negozio, ozio, polizia, sazio, vizio, zio.

Eccezioni:aẓienda, romanẓiere.

  • quando è preceduta da l

Esempi: alzare, balza, calza, sfilza.

Eccezioni: balẓachiano, Belẓebù, elẓeviro.

  • nei suffissi, -anza, -enza, -ezza, -onzolo, -ozzo, -ozza, -uzzo, -uzza

Esempi: paranza, speranza, assenza, scienza, bellezza, debolezza, ballonzolo, barilozzo, ingozzo, singhiozzo, carrozza, tinozza, merluzzo, struzzo, pagliuzza, puzza.

  • in molte parole isolate

Esempi: bozzolo, dinanzi, Enzo, fidanzato, innanzi, intenzione, pazzo, scherzo, terzo, vezzoso.

Pronuncia della z sonora

La z si pronuncia sonora, ,

  • in principio di parola, se seguita da due vocali

Esempi: ẓaino, ẓoologia.

Eccezioni: zio.

  • quando è l’iniziale della prima e della seconda sillaba della stessa parola

Esempi: ẓanẓara, ẓenẓero, ẓuẓẓurellone.

Eccezioni: zazzera.

  • in principio di parola, quando la seconda sillaba inizia per consonante sonora (b, d, g, l, m, n, r, v)

Esempi: ẓabaione, ẓavorra, ẓebra, ẓero, ẓibibbo, ẓolla, ẓulù.

Eccezioni: zanna.

  • quando è scritta scempia in mezzo a due vocali, purché la seconda non sia i seguita da vocale

Esempi: aẓalea, biẓantino, Eẓechiele, gaẓebo, maẓurca, schiẓofrenia, moẓambico, Naẓareno, oẓono, periẓoma.

Eccezioni: nazismo.

  • in molte parole isolate

Esempi: amaẓẓone, breẓẓa, friẓẓante, gaẓẓosa, laẓẓo, meẓẓeria, oleẓẓo, pranẓo, ribreẓẓo, soẓẓura, verẓura.

Raddoppiamento fonosintattico

È un fenomeno di fonosintassi, legato alla fluidità della catena parlata, che consiste nel rafforzamento della consonante iniziale di parola in determinati contesti. Dipende dall’elemento lessicale che precede la parola e si attiva in presenza dei seguenti tipi:

  • polisillabi tronchi (verrà subito > verrà ssubito, perché taci? > perché ttaci?);
  • monosillabi forti:
    • verbi: è, fu, ho, ha, vo, va, do, dà, da, fo, fa, fé, so, sa, sto, sta, può (è vero > è vvero, ho fatto > ho ffatto);
    • congiunzioni: che, ché, e, ma, né, o, se (che fai > che ffai, ma no! > ma nno!);
    • pronomi: che, chi, ciò, sé, tu, me, te (chi sei? > chi ssei?);
    • preposizioni: a, da , su , tra, fra e anche le particelle preposizioni de e ne usate in poesia o davanti ai titoli (fra poco > fra ppoco, da marzo > da mmarzo);
    • avverbi: su, giù, qui, qua, lì, là, sì, no, ni, già, più (più forte > più fforte);
    • sostantivi:
      • blu, co, dì, gru, gnu, pro, re , sci, tè, tre;
      • i troncamenti: fé(de), fra’(te), a mo’(do), pre'(te), piè(de), pro'(de);
      • i nomi delle lettere: a, bi, ci, di, e, gi, i, pi, qu (o cu), ti, u, vu (o vi) (ma anche gli antichi be, ce, de, ge, pe, te, ca); le greche: mi, chi, ni, xi, pi, rho, phi, psi;
      • nomi delle note: do, re, mi, fa, la, si;
    • alcuni polisillabi funzionali, tra cui: come, dove, sopra, qualche (come va? > come vva?, qualche volta > qualche vvolta).

Non rafforzano mai:

  • le preposizioni di, in, con, per;
  • pronomi dimostrativi;
  • particelle pronominali (me, mi, te, ti);
  • gli articoli il, lo, la;
  • la ṣ sonora;
  • la b davanti a -ile e -abile;
  • la g davanti a -ione.

Punti di vista (6)

  1. Giorgia

    Salve! Nel caso del verbo dovere, esempio: deve, che accento si usa?

    1. Carmelo Giancola

      Ciao Giorgia. “Deve” vuole la e aperta, quindi è “dève”.

  2. Cristian

    Ma… secondo il dizionario rai ( http://www.dizionario.rai.it/ ) “deve” terza persona del verbo dovere, si pronuncia indifferentemente con “e” aperta o chiusa

    1. Carmelo Giancola

      Ci sono molte parole per le quali sono accettate entrambe le pronunce. In alcuni casi, inoltre, bisogna considerare se si sta facendo riferimento all’italiano standard o a quello moderno.

  3. Cristian

    Invece volevo chiedere… a proposito delle parole composte. Ad esempio la parola “cosmogenesi”, composta da “còsmo” e “gènesi”… la pronuncerò “cósmogènesi” o “còsmogènesi”? con la prima “o” aperta o chiusa?

    1. Carmelo Giancola

      La pronuncia corretta è cósmogènesi. In contesto atono, infatti, le vocali si pronunciano chiuse (o semichiuse). Nella parola in questione l’accento cade sulla prima “e”, per cui le altre vocali, prive di accento, si pronunciano chiuse.

Rispondi a Cristian Annulla risposta